I traduttori sanno quanto possa valere una traduzione giurata olandese italiano (un professionista come Pierangelo Sassi può sicuramente esserti d’aiuto) o in altre lingue meno comuni ma è la certificazione in sé a variare molto il prezzo. Qual è il motivo e come diventare un professionista di traduzioni certificate?

Che cos’è la traduzione certificata?

La traduzione certificata è una traduzione che ha un valore legale che prende il nome di asseverazione. Non si tratta di una traduzione normale, quest’ultima può essere infatti effettuata da uno studente, da un amante delle lingue, da una persona che conosce bene un idioma e che quindi riesce facilmente effettuare una traduzione.
La traduzione certificata è compiuta solo ed esclusivamente da un professionista iscritto all’albo dei traduttori e degli interpreti di un tribunale e perciò è necessario rivolgersi all’agenzia di traduzioni, all’ufficio nel tribunale di riferimento, o a un traduttore freelance per sottoporre quest’operazione.

Una volta effettuata la traduzione sarà poi necessario porre delle marche da bollo ogni 4 facciate altrimenti il documento non avrà alcun valore. In caso di traduzione certificata in lingue meno comuni si può richiedere un riferimento all’albo dei consulenti tecnici d’ufficio del tribunale o a un notaio in quanto il traduttore può anche non essere iscritto in quello specifico ufficio ma lavorare per altre agenzie. È naturale che il costo di quest’operazione sia ben diverso da quello di una traduzione normale ma è doveroso sottolineare anche la differenza sostanziale tra questi due tipi di traduzioni.

Requisiti per un traduttore certificato

Al giorno d’oggi sono molti i ragazzi che studiano le lingue del mondo con la prospettiva di diventare traduttori. Per quanto riguarda le lingue comuni come l’inglese, il francese e lo spagnolo non si hanno difficoltà nel reperire professionisti in quanto ce ne sono davvero tanti. Ciò non accade per idiomi meno comuni come l’olandese per cui è obbligatorio trovarne un bravo in quanto è un requisito fondamentale per la legalità del documento e per tradurlo nel migliore dei modi.

Una traduzione certificata può servire per ambito scientifico, tecnico, giuridico o finanziario per cui si presuppone la traduzione di documenti molto difficili; per questo motivo sarà necessario studiare una determinata materia con l’obiettivo di tradurla in maniera corretta. Il professionista esperto in questo genere di compito, molto spesso, si specializza proprio per una traduzione mirata: ad esempio compiendo degli studi scientifici che gli permetteranno di limitare le proprie traduzioni solo in quell’ambito.

Ad oggi si contano più di 15 milioni di olandesi quindi potrebbe essere necessario dover tradurre un documento o un progetto di lavoro, di conseguenza bisognerà proporre una traduzione perfetta così da incentivare il pubblico ed evitare danni alla propria immagine.

Esiste infatti una differenza tra l’olandese che viene parlato nei Paesi Bassi e la lingua fiamminga che è parlata nel nord del Belgio: per quanto riguarda la lingua scritta sono praticamente uguali ma ciò che cambia è la fonetica, in maniera simile come tra la lingua inglese britannica e quella americana. Queste differenze sono percepibili solo a una persona esperta per cui è un requisito fondamentale per il traduttore saperle riconoscere, senza considerare che queste diversità si ripercuotono anche sui discorsi concettuali comportando un cambio radicale del discorso.

Un buon traduttore certificato riesce a separare questi due idiomi e a svolgere una traduzione quanto più simile all’originale preservando tutti i concetti intrinsechi al dialogo.

Come diventare un bravo traduttore
Il modo per diventare un bravo professionista è quello di intraprendere un percorso di formazione mirato così da migliorare le proprie doti. Dopo aver raggiunto il traguardo sarà necessario continuare ad aggiornarsi e non arenarsi nella propria comfort zone.

Alcuni potrebbero infatti fermarsi una volta cominciata la professione e accontentarsi del proprio livello; il professionista di successo sa quanto sia importante impegnarsi costantemente e approfondire tutte le proprie conoscenze per capire quali siano le proprie lacune e migliorare le proprie abilità.

Non sorprende che la maggior parte dei professionisti di successo sia dotata di una forte ambizione che li spinge a superare continuamente i propri obiettivi e a cercare di fare sempre di più. Anche avere uno standard di riferimento può essere utile in quanto si creerà una scala del successo che spinga a innalzarsi sempre più in alto per raggiungere un determinato traguardo. Questi obiettivi possono essere a breve e a lungo termine, sono entrambi importanti perché quelli a breve termine donano piccole soddisfazioni nell’arco di un tempo ridotto e quindi rappresentano la carica che spinge il professionista all’ottimismo e alla fiducia nelle proprie qualità.

Gli obiettivi a lungo termine sono altrettanto importanti, solitamente molto difficili da raggiungere perché saranno il fine più grande e un punto di massimo picco. Il traduttore conosce bene le dinamiche a cui dovrà andare incontro, spesso venendo a contatto con documenti difficili e appartenenti ad aree non di suo gradimento. In questo caso sarà necessario compiere una scelta e capire se sia il caso di passare la palla a un altro collega oppure studiare una disciplina o quella area di riferimento e colmare tutte le lacune che si hanno.

Nei confronti dei clienti bisogna sempre essere onesti in modo da guadagnarne la fiducia e ispirare un’aura positiva che lo spingerà a fidelizzarsi e a lasciare ottime recensioni tra il pubblico. Una volta diventati degli esperti capaci di gestire il proprio lavoro sarà anche l’atteggiamento a contare, presentandosi sempre ottimisti e professionali.

Tutte le scadenze devono essere rispettate, perciò è bene essere puntuali e imparare a riconoscere eventuali mancanze in maniera preventiva così da non dare dei termini di consegna utopici ma puntare tutto sulla realtà ed evitare di creare false aspettative. I grossi carichi di lavoro devono essere gestiti in base alle priorità, suddividendoli e dandosi delle piccole scadenze temporali oppure cercando una squadra o un collega a cui delegare alcuni lavori per non soccombere in poco tempo. Infine, uno dei suggerimenti di maggior rilievo è di controllare più volte la traduzione per evitare grossolani errori grammaticali che potrebbero inficiare tutto il lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *